pmt-italia-image-1
  • Cliente: PMT Italia
  • Settore: Cartario
  • Anno: 2000

PMT ITALIA è un’azienda attiva nel settore della progettazione e realizzazione di impianti completi per tutti i tipi di carta e nella definizione e installazione dei macchinari ausiliari. L’azienda, certificata ISO 9001 fin dal 1993, ha sede a Pinerolo, si estende su una superficie di oltre 65.000 m2 e conta circa 300 dipendenti, che realizzano impianti in oltre 40 Paesi nel mondo operando in tutti i continenti.
PMT si presenta oggi sul mercato forte di una consolidata esperienza nel processo di fabbricazione della carta tissue.

  •  L’obiettivo

    Ottenere progetti di maggiore precisione e qualità:

    • minimizzando al contempo i tempi di sviluppo

    PMT ITALIA ha deciso di portare a compimento negli anni 2000 una serie di interventi significativi nelle seguenti aree: ricerche, edifici, macchine utensili, strumentazione per servizi in cartiera, nuovo sistema di progettazione e nuovo sistema informatico per la gestione aziendale.

    “In particolare avvertivamo l’esigenza di adottare al proprio interno un programma 3D per la progettazione degli impianti” spiega Marco Invrea, Supervisore PMT per la progettazione CAD, “con l’obiettivo di monitorare tutti i percorsi durante le varie fasi di progettazione e costruzione”.

  •  La soluzione

    PMT ITALIA ha scelto ESAin per la completezza e la linearità delle sue tecnologie, intuitive e semplici da utilizzare, per la larga diffusione dei software e per la certezza di avere un interlocutore competente, presente sul territorio, in grado di rispondere in tempo reale a qualsiasi esigenza.

    Moduli utilizzati:

    • P&ID per lo sviluppo degli schemi di processo
    • 3D Piping per la modellazione tridimensionale dell’impianto con generazione automatica di disegni costruttivi e liste materiali
    • Isometrics per l’estrazione, sempre automatica, degli sketch isometrici dal modello 3D
  •  Il caso

    2000-2002: Tunisie Ouate, il primo produttore di carta tissue della Tunisia ha chiesto a PMT ITALIA di progettare, costruire e avviare “chiavi in mano” un nuovo stabilimento e un’intera linea di produzione di carta tissue.

    La collaborazione tra PMT e ESAin, iniziata nel 2000 con specifici corsi di formazione rivolti al personale PMT dedicati all’utilizzo dei diversi prodotti ESAin, è proseguita nel biennio successivo attraverso un costante affiancamento sul posto dei tecnici ESAin, che hanno fornito tutto il supporto necessario soprattutto relativamente alla progettazione impiantistica funzionale e all’ingegneria di dettaglio.

  •  Il risultato

    “L’utilizzo di ESApro” spiega Marco Invrea “ha permesso di monitorare le varie fasi di progettazione e costruzione e, quindi, di realizzare progetti di maggior precisione e qualità. In secondo luogo ha consentito di estrarre dal modello tridimensionale intelligente liste materiali, viste costruttive bidimensionali e sketch isometrici per il montaggio”. Lo sviluppo dell’ingegneria di dettaglio su un modello CAD tridimensionale ha permesso di razionalizzare e ottimizzare il layout dell’impianto, l’approccio tridimensionale alla progettazione ha consentito inoltre di verificare preventivamente e risolvere eventuali problemi di interferenze fra le varie pipe lines, i componenti meccanici dell’impianto e il fabbricato.

    “La conclusione del progetto ci ha visti completamente soddisfatti” conclude Tonello di PMT “tanto che la stessa Tunisie Ouate si è complimentata con noi per le innovazioni tecnologiche dell’intera commessa. Questo per PMT è stato un passo importante, che ci ha permesso di accogliere con sicurezza ed entusiasmo un’altra sfida! Stiamo già partendo infatti con un progetto analogo in Italia”.

    La collaborazione tra PMT ed ESAin è proseguita anche una volta ultimato il progetto, in occasione della realizzazione di un rendering ad alta risoluzione e di un’animazione dell’impianto da utilizzare a fini pubblicitari. In questa fase si è provveduto ad assegnare ai componenti i relativi materiali e a creare un’adeguata illuminazione ambientale in modo da ottenere sia immagini statiche sia animazioni capaci di rendere in modo realistico l’aspetto finale dell’impianto prima della sua costruzione effettiva.